Migliori droni 300 grammi

I droni da 300 grammi sono conformi all’Art.12 comma 5 del regolamento ENAC “Mezzi Aerei a pilotaggio remoto” Ed.2 Em.1 del 21 dicembre 2015. Di conseguenza essi sono abilitati alle operazioni in ambito urbano, anche in presenza di persone a patto che non siano dei gruppi numerosi.

Migliori droni 300 grammi

Per pilotare uno di questo droni da 300g per uso professionale anche in ambiti urbani non bisogna in alcuni modo conseguire un attestato teorico-pratico ne sottoporsi ad una visita medica. Quello che bisogna fare per iniziare a pilotare questi mezzi è inviare all’ Ente Regolatore una dichiarazione di rispondenza al regolamento, dichiarando di aver preso atto delle norme per poi stipulare una polizza assicurativa.

Quali sono i migliori droni da 300 grammi?

1.Drone 300 grammi DJI SPARK

Il DJI Spark è un drone da 300 grammi per molti versi considerato il fratello maggiore del Mavic Pro, ma a conti fatti il loro unico punto di contatto sta nel loro design piuttosto simile. Per il resto siamo di fronte a due modelli differenti. I 4 bracci di Spark sono rigidi e fissi, mentre le eliche sono comodamente ripiegabili, con lo scopo di essere il meno ingombrante possibile. D’altronde uno degli obiettivi della casa madre era proprio quello di creare un modello estremamente compatto e leggero (300 grammi). Quello che ci ha maggiormente convinto di questo modello sono i suoi vantaggi strutturali legati in massima parte ai suoi ottimi materiali plastici il cui scopo è quello di contenerne il più possibile il peso. Spiccano i suoi QuickShot particolarmente cinematografici come il Dronie che consente al drone di muoversi in linea retta all’indietro, con un’inclinazione di circa 40°, come il Circle che in pratica effettua un movimento circolare attorno al soggetto scelto, come l’Helix in grado di realizzare un movimento a spirale e un Rocket che permette un’inclinazione della videocamera fino a 85°.

Ideale: per coloro che stanno cercando un modello da poter gestire anche con le app, grazie alla DJI GO 4, compatibile con Android ed iOS, particolarmente apprezzata da coloro che hanno uno dei droni della DJI. In generale questa applicazione è decisamente ma nello stesso tempo anche semplice da utilizzare.

Punti di forza: spicca per i suoi controlli a mano libera. Far decollare il drone e di conseguenza farlo anche atterrare non è mai stato così semplice ed immediato. Infatti basta puntarlo verso di noi, facendo un doppio clic sul retro, e dopo aver aspettato qualche secondo che il nostro volto sia riconosciuto, il drone inizierà a tirare verso l’alto. Questa modalità del tracciamento del volto ha uno scopo ben preciso: capire che chi lo impugna vuole farlo decollare e che dunque non si è trattato di un clic accidentale

Punti deboli: delude le aspettative per quanto riguarda il gimbal che ci è sembrato completamente esposto oltretutto sprovvisto di una copertura in plastica, removibile, che avrebbe avuto il compito di proteggerlo. Anche l’attacco dei motori ai quattro bracci non è dei migliori, dato che questi man mano che si avvicinano alle eliche tendono ad assottigliarsi. Inoltre il punto di giunzione ci è sembrato più debole, perché è stata inserita una parte rigida, che finisce solo per aumentare il peso diminuendo pesantemente l’elasticità.

Controlla cliccando quì l’offerta su Amazon

2. SunlyTech Alpha CAM selfie 4K

Questo modello è particolarmente apprezzato dagli utenti per il modo con cui riesce a trasformare le sue compatte dimensioni in un punto di forza in termini di stabilità e sicurezza. Esso è caratterizzato da un processore Snapdragon 801 e GPU Adreno 330, oltre da una camera da 13Mpx con la quale possiamo realizzare video a 4K 30fps. Questi contenuti multimediali possono essere convertiti in 1080p 30fps attivando un tipo di stabilizzazione elettronica specifica EIS sui tre assi. Quello che ci ha maggiormente convinto è il FOV di 90° con la possibilità di inclinare la camera verso il basso e nello stesso tempo tenerla bene fissa. Questa caratteristica tecnica è strettamente legata al suo principio di progettazione dato che questo drone è stato appositamente creato per realizzare dei magnifici selfie in hovering.

Ideale: per coloro che stanno cercando un modello perfetto sia per ambienti esterni che interni, ma soprattutto risulta indicato per chi necessita di un drone che sia particolarmente efficiente per ciò che concerne il comparto foto/video, il quale contribuisce al suo primato nel campo del selfie in hovering.

Punti di forza: spicca per la sua autonomia di volo dichiarata di 20 minuti specie se si considerano le sue compatte dimensioni e il suo peso estremamente leggero. Inoltre si fa notare anche per la presenza nella parte inferiore del drone di sensori infrarossi e opticalflow, i quali hanno lo scopo di facilitare il suo posizionamento specie negli ambienti interni dove solitamente il segnale è altalenante. Senza dimenticare che la presenza di un ricevitore capace di captare in tempo reale il sistema GPS, GLONASS e anche AGPS favorisce il pilotaggio negli ambienti esterni.

Punti deboli: le sue dimensioni possono sembrare estremamente piccole rispetto alla grandezza delle eliche che sono decisamente grandi. Questo è un limite che potrebbe anche influire decisamente sulla qualità del suo funzionamento. Per il resto non abbiamo riscontrato particolari punti deboli per un modello che tutto sommato fa bene il suo lavoro in termini di stabilità e sicurezza.

Controlla cliccando quì l’offerta su Amazon

3. Drone 300 grammi XK X300

Il XK X300 è un drone particolarmente versatile, al punto da essere molto apprezzato sia dai principianti che dagli esperti, anche se è consigliato soprattutto ai primi per la combinazione di una serie di fattori che risultano vantaggiose per i neofiti: prezzo contenuto, numerose e semplificate funzionalità tra cui spicca la Headless mode. L’ XK X300 è molto apprezzato per alcuni strumenti che ampliano il raggio d’azione delle sue funzionalità. Tra questi va segnalato un barometro che si rivela ideale per mantenere l’altezza che desideriamo anche quando si opta per far volare il drone a meno di 8 metri dal suolo. In generale possiamo dare un ottimo voto al suo comparto multimediale dato che il XK X300 è dotato di una buona fotocamera in HD con una risoluzione da 720 px con un obiettivo FOV di 140 gradi. Di conseguenza possiamo catturare dei bellissimi panorami in qualsiasi condizione di luminosità in virtù delle sue preziose specifiche tecniche.

Ideale: per coloro che stanno cercando un modello dai mille impieghi. Infatti esso può essere usato da coloro che sono appassionati di fotografia aerea grazie alla modalità della visuale in prima persona (FPV). Inoltre grazie al sensore di flusso ottico integrato possiamo realizzare dei video davvero accurati dal punto di vista della qualità delle immagini. Di conseguenza se state cercando un modello che dia molta importanza al comparto video/ foto questo drone è perfetto per voi!

Punti di forza: spicca per il suo potente sistema di propulsione con motori a spazzole che insieme alle eliche a tre pale consente al drone di raggiungere una comprovata velocità. Senza dimenticare la possibilità di controllare tutta la fase di pilotaggio grazie al radiocomando a 2,4 GHz in dotazione che unitamente al lavoro del suo display permette di visualizzare in tempo reale quello che vede il drone stesso. Conclude la lista dei suoi vantaggi una straordinaria connettività che arriva ad offrire al drone anche l’opportunità di allontanarsi fino ad un massimo di 120 metri continuando a mantenere un controllo preciso.

Punti deboli: è davvero difficile trovare uno svantaggio per questo modello, dato che riesce nell’impresa di soddisfare le esigenze di tutti i potenziali acquirenti proprio in virtù della sua comprovata versatilità. Di conseguenza si rivela un modello adatto a qualsiasi tipologia di pubblico, sia professionisti che neofiti.

Controlla cliccando quì l’offerta su Amazon

4. Drone 300 grammi FTD300X

Il Drone 300 grammi FTD300X è un compatto multirotore con interasse di 25cm ma capace di garantire qualità come la tanto ricercata stabilità di volo oltre che una comprovata stabilizzazione delle immagini digitali con la possibilità di registrare nel formato 1920×1080 a 30 fps e foto a 14Mpx. All’interno del suo sistema è stato inserito un potente processore che in pratica ha il compito di elaborare in maniera ottimale tutte le immagini registrate dal micro drone e inviarle in automatico a terra. Questo vantaggio è favorito dalla connessione con l’app ufficiale la Fly to Discover Bepop (completamente gratuita) con la quale potrai sfruttare tutte le varie funzioni automatizzate come “whatch me” e “follow me” oppure in VR per la realtà aumentata.

Ideale: per coloro che stanno cercando un modello che sia innanzitutto sicuro e affidabile, complice la presenza della funzionalità “Auto Return to Home” che ci aiuta a tornare nel punto di partenza in caso di perdita del segnale oltre che della funzionalità “Auto Landing” che prevede lo stesso meccanismo solo nel caso in cui la batteria dovesse scaricarsi.
Punti di forza: spicca non solo per la sua multi-connettività ma anche per l’ottimo apporto offerto all’industria audio-visiva per la sua capacità di captare e rielaborare immagini digitali. Inoltre si rivela un modello particolarmente sicuro anche in assenza di segnale o nel caso in cui la batteria si scarica

Punti deboli: non abbiamo riscontrato per questo modello particolari svantaggi, anzi. Forse l’unico limite è legato al fatto che non tutti possono manovrarlo. Di conseguenza non ci sentiamo di consigliarlo ai neofiti, per quanto sia dotati di funzioni aggiuntive che hanno lo scopo di rendere più sicuro il pilotaggio. In generale se si vogliono sfruttare al meglio le sue potenzialità audio-visive bisognerebbe avere un minimo di dimestichezza.